Questo sito utilizza Cookies
Continuando la navigazione o chiudendo il banner, accetti l’uso dei cookies

logo tenderly
header image waves

Una pandemia non può sfidare una mamma.

Mamma di 46 anni di origini sudamericane e unica capofamiglia di 3 figlie, Marcela era abituata alle sfide di ogni giorno ma l’arrivo del coronavirus ha stravolto la sua vita. Una dura prova trasformata in opportunità grazie all’intervento di uno degli Spazi Mamme d’Italia: luoghi dove le mamme possono essere sostenute gratuitamente, ideati da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro e sostenuti anche da Tenderly.


Nascondere la paura e reagire per amore delle figlie


Prima della pandemia, Marcela faceva la badante ed organizzava il suo tempo in modo da non far mancare niente alle sue figlie, nonostante dovesse gestire una famiglia da sola. Con l’arrivo del coronavirus le ore di impegno che le venivano richieste sono diminuite e da qui sono iniziati i problemi. Così racconta la sua pandemia: “Prima dell’emergenza riuscivo a gestire l’affitto, il pagamento delle bollette e potevo dare alle mie figlie tutto il necessario. Quando le mie figlie sono state costrette a rimanere a casa, abbiamo avuto difficoltà perché non avevamo abbastanza PC o cellulari per la didattica a distanza. Un’altra problematica è stata sicuramente quella economica, mi è subentrata la paura di non riuscire a pagare le bollette che si erano accumulate e sono andata in panico”.

Marcela è approdata ad uno degli Spazi Mamme di Save the Children e questo le ha permesso di tornare a respirare e a gestire le sue ansie.


Lo spazio Mamme: punto di accoglienza e di ripartenza


“Gli operatori dello Spazio Mamme e del Punto Luce mi hanno dato quella pace che non avevo, sentivo che qualcuno era vicino a me, in un periodo difficile della pandemia. Per me lo Spazio Mamme è un punto di accoglienza che permette anche di conoscerti come persona e di imparare ad essere migliore: qui ti senti accolta e pronta ad accogliere a tua volta altre persone che hanno bisogno”.

Dopo avere incontrato Marcela e preso atto della sua situazione, gli operatori dello Spazio Mamme si sono subito messi all’opera: hanno consegnato alla famiglia un tablet per aiutare le figlie nella didattica a distanza e sostenuto Marcela sia dal punto di vista emotivo che economico, supportandola anche nella ricerca di altri lavori. Una tempestività nell’azione e una vicinanza che hanno permesso a Marcela di risollevarsi e uscire più forte da questa crisi.

“Rispetto ad un anno fa, oggi si sono aperte delle nuove opportunità e mi sento più tranquilla.
Lo Spazio Mamme mi ha aiutato soprattutto dal punto di vista economico ed emotivo, qui ho fatto anche attività come cucito, bigiotteria e ginnastica che sono state per me un modo per non pensare a quello che dovevo pagare e a come arrivare a fine mese. Qui mi sono aperta, e mi sono sentita sollevata.”

Per il futuro Marcela spera prima di tutto alla realizzazione delle sue ragazze, desidera che crescano sane e che trovino lavoro, che raggiungano un loro sbocco professionale. Il loro posto nel mondo.


Spazio all’inclusione


Lo Spazio Mamme che sta supportando tante mamme come Marcela nasce in un quartiere di formazione eterogenea che vede coesistere famiglie italiane e nuclei stranieri in difficoltà. Dai corsi di lingua italiana all’accompagnamento nel mondo del lavoro, le attivitàà supportate dagli Spazi Mamme hanno come scopo quello di sostenere mamme e famiglie gratuitamente nel processo di miglioramento della cura dei più piccoli, nell’individuazione e nel rafforzamento delle proprie competenze, nella gestione delle risorse economiche e nell’emancipazione del nucleo familiare da condizioni di deprivazione. Ma anche il luogo dove i bambini possono crescere vivendo esperienze di socialità.

Tutto questo facilita il percorso di inclusione nel tessuto sociale e professionale del paese delle famiglie più vulnerabili, che riescono passo dopo passo a costruire la loro propria autonomia.

Per trovare lo Spazio più vicino a te, vai sul sito www.savethechildren.it 

Autore

Bianca

La fatina di Tenderly

05 luglio 2021